PREGHIERA ​

​Testo Song


Mia Martini
Preghiera

(S. Rosso)

Finché tramonta il sole

finché la terra va

tu dona o mio Signore

a chi ti chiederà.

A chi non vede, gli occhi

la pace a chi non l’ha

e la speranza ai vecchi

che vogliono restar.

Ma l’uomo non capisce

e cosa fa?

Ha il mare in tasca

e l’acqua va a cercar.

A chi chiede il potere

dagliene a sazietà

e a chi denaro chiede

dagliene a volontà.

E poi dona al vigliacco

le gambe per fuggir

e a tutti i vagabondi

un letto per dormir.

Ma l’uomo non capisce

e cosa fa?

Ha il mare in tasca

e l’acqua va a cercar.

Finché tramonta il sole

tutto puoi fare tu

e a chi chiede violenza

tu dagliene di più

la libertà agli oppressi

ai giusti l’umiltà

io chiedo, solamente

di me non ti scordar!

Ma l’uomo non capisce

e cosa fa?

Ha il mare in tasca

e l’acqua va a cercar.

Ma l’uomo non capisce

e cosa fa?

Ha il mare in tasca

e l’acqua va a cercar
◾◾◾
Contenuto nei seguenti album:

1976 Che vuoi che sia… Se t’ho aspettato tanto

RAPSODIA

RAPSODIA

(Bigazzi – Dati)

Interpretato da Mia Martini

▪▪▪
Un giorno i vecchi amori

S’incontrano nei bar

Bugiardi ma sinceri a dirsi come va

Magari fuori piove e allora stanno lì

Pensando chissà dove

Chissà perché finì
Un giorno i vecchi amori si dicono l’età

Dolcissimi rancori ed altre verità
Chi siamo noi, sperduti qui?

Così diversi dagli eroi del nostro film

Con l’ironia e un po’ di guai

In questa immensa rapsodia dei nostri ormai
Ma un giorno i vecchi amori si chiedono di più

I sogni e i desideri di un’altra gioventù

E lasciano famiglie tradiscono gli amici

Non vogliono consigli per essere felici
E quando i vecchi amori si lasciano nei bar

Diventano canzoni di tanto tempo fa
Chi siamo noi seduti qua?

Ad ascoltare questa vita che non va

Chi siamo noi buttati via

In questa immensa e disperata rapsodia
Oh chi siamo noi buttati via

In questa immensa e disperata rapsodia

⬛◼◾▪

PATTYPRAVO  ♥ Una Pesca col Pane

PATTYPRAVO  

Una Pesca col Pane

(MMonti)

 


C’erano li

fiori bianchissimi che

così lucenti

io non li ho visti più.

Seduti al sole noi due a stancarci d’amore.

Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io.
A volte poi

da un contadino di lì

tu mi compravi il pane

e una pesca.

Mangiavo in fretta

per non sprecare più tempo.

Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io.
C’erano lì

fiori sul fiume che mai

fu così chiaro.

“Amore ho voglia di bere”.

Toccavi l’acqua

“Amore non è molto fredda”.

Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io.
In assoluto direi

di credere in pochissime cose

ma una di queste certamente sei tu.
Quando stai via

ti piace pensarmi così.

Eccomi adesso

io canto, ma forse dormo.

“Ciao, ti sei svegliata!”

“Mi va una pesca col pane”.
Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io.
Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io.
Amore mio, amore mio,

è tutto come voglio io. 

▪▪▪ 

Gli Occhi di Milva

​ Gli Occhi di Milva

Non occorre che io mi sieda sul letto a rivedere i sogni perduti,

basta guardare gli occhi di Milva e vedo la mia felicità.
Coloro che pensano che la poesia sia disperazione

non sanno che la poesia è una donna superba

e ha la chioma rossa.
Io ho ammazzato tutti i miei amanti

perché volevano vedermi piangere

ed ero soltanto felice.

(Alda Merini)